4 GIUGNO 1988 A LIZZANO PISTOIESE

Il 4 giugno 1988 il paese visse una giornata memorabile, accogliendo, dopo quarantatré anni, con sentimenti di vera gratitudine, i gloriosi combattenti della Xa Divisione da Montagna americana, per commemorare i "CADUTI", ricordare il sacrificio di tutti coloro che, su questi monti, combatterono e morirono, meritando per noi, con il loro sacrificio, il dono della libertà e della pace.

 

 

LIZZANO PISTOIESE 4 GIUGNO 1988

 

 

Lizzano Pistoiese: 4 Giugno 1988. Lizzano Pistoiese 4 Giugno 1988. Arrivo dei reduci (400) della Xa Divisione da Montagna Americana. 

 

Mons. Murphy col vecchio commilitone, Gen. Ugh. Evans, Presidente dell'Associazione Nazionale della Xa Divisione da Montagna, con al centro il Prof. Vanni Melani, autore del monumento dedicato ai CADUTI della Xa Divisione americana e collocato nel giardino della Chiesa di S. Giuseppe a Washington davanti al Senato.

Tutto era cominciato nell'Agosto dell'anno 1985, quando Mons. Murphy era tornato a Lizzano alla ricerca del Parroco del tempo di guerra, Don Mario Frati, ora defunto. Questa visita dette al sottoscritto l'occasione di proporre una "GIORNATA" per ricordare quella particolare "vocazione sacerdotale" e, soprattutto, il sacrificio dei "CADUTI" americani sulla Linea gotica.
 

 

          Lizzano Pistoiese 4 Giugno 1988: Paese in festa 

    La visita alla "CASA BIANCA", nell’ottobre del 1985, del sottoscritto, che era accompagnato dall'amico Sacerdote, Don Orazio Iacopini, favorì l’interessamento del Presidente degli STATI UNITI D’AMERICA, R.REAGAN, e quindi quello delle Autorità Consolari statunitensi in Italia, la partecipazione, alla manifestazione del 4 Giugno a Lizzano, di 400 reduci di guerra della Xa DIVISIONE DA MONTAGNA e la sfilata, per le vie del paese, in un clima di festa, di un reparto di "marines", in pieno assetto di guerra . 

                                                                                                                                                                               don Napoleone Toccafondi

Lizzano Pistoiese 4 Giugno 1988: Un reparto di "marines" sfilano per le strade del paese in festa

====================0

 LIZZANO PISTOIESE  JUNE, 4th 1988

Going across the national road which leads from Lima to Abetone one can admire Lizzano Pistoiese. Its position on the right ride of the road is not very far from a crossroads for Luc­ca and Pistoia. Its population is about fave hundred and includes Vizzaneta, Pratale, Lancisa, Spignana.

LIZZANO PISTOIESE 4 GIUGNO 1988: CORTEO VERSO LA PIAZZA DELLA cHIESA

All the territory of clayish shale from Croce Arcana to Corno alle Scale slopes down towards the Lima river. To the north it is limited by Volata torrent, and to the south by the Verdiana river. Lizzano is about 750 mt. above sea level, and the weather is mild and dry. It is an ideai piace for all those who love peace and silence. One can rent a house or a room in the Hotel "La Pace" to spend a quite holiday. Giovacchino Forzano, was a famous vacationer in the years before the second world war. He was a stage-manager and a play-writer.

LIZZANO PISTOIESE 4 GIUGNO 1988

In the Church of St. Paolo and of St. Anna in Vizzaneta, he wrote his best theatre works and many short works. He had the bells rung each time be finished one of his works. He had the bells rung each time be finished one of his works. He was often seen speaking with his friend Puccini during the hot afternoos of summer under the friendly shadeof the chestnut trees.Lizzano is linkked the national road with a connecting-road that goes on to Lancisa and Spignana.  After the bridge on Verdiana and the cave of Macereti, it re­aches San Marcello Pistoiese.

LIZZANO PISTOIESE 4 GIUGNO 1988:  DON NAPOLEONE  E MONS. MURPHY CON I RICORDI ED I SIMBOLI DELLA GUERRA

Tourists and all those who choose this village for holidays are surprised not only by the quiet, the landscape of by the beautiful weather, bust most of all by the discovery of the artistic works preserved in the parish of Santa Maria Assunta. The Chur­ch was built in 1827 thanks to the intervention of Leopoldo II, Grand-duke of Tuscany. The primitive and ancient Church, was destroyed by a landslide in 1814 but its artistic heritage was recovered. 

 

LIZZANO PISTOIESE 4 GIUGNO 1988: MARINES E PARADUTISTI SCHIERATI IN PIAZZA DELLA CHIESA  PER GLI ONORI AI CADUTI DI LIZZANO

Among the most important works there are: 1°) A woody Crucifix by Baccio da Montelu­po which dates back to the 16th century;

2°) A terra-cotta altar frontal representing the Virgin Mary, dated 1511 and attributed to the brothers Della Robbia,

3°) A prestigious painting of the 16th century, representing the Assumption of the Virgin Mary. This work was attributed to Giorgio Vasari, but a later study revealed the relationship to the Fiorentine School;

4°) An astylar Cross in silver and gold attributed to the Tuscan School of the 15th century;

 

LIZZANO PISTOIESE 4 GIUGNO1988.COMMEMORAZIONE UFFICIALE DI DON NAPOLEONE

5°) A Vir­gin Mary with the Christ Child in terra-cotta, by Mattia or Girolamo Della Robbia;

6°) A painting of the 15th century representing the Virgin Mary with the Christ Child, and some saints;

7°) A very ancient and prestigious organ, dated 1529, whose restoration would assure to the piace a great cultural and artistic heritage. These works, together with the other objects preserved in the small museum inside the vestry, testity Lizzano's glorious past. Lizzano Pistoiese, represented a place of communication inside the Gothic Line.

LIZZANO PISTOIESE 4 GIUGNO 1988: ONORE AI CADUTI


The Fifth Army of the Tenth Mountain Division stayed here from the automn of 1944 till the Spring of 1945.

Once more, the beautiful mountains surrounding Lizzano (as Doganaccia, Libro Aperto, Gomito, Corno alle Scale) became the battle-fields between opposite armies, and the natural watershed of contrasting cultures, civilizations and ideologies.

One fune, 4th 1988, after 43 years, Lizzano receives with feelings of gratitude, the glorious fighters of 10th Divi­sion.

The demonstration will serve to recall the sacrifice of soldies who fought and died for freedom and peace. During this day we welcome Serg. Murphy's return, who, belped by Father Mario Frati, discovered his sacerdotal vocation throughout the tragic winter of 1945.

LIZZANO PISTOIESE 4 GIUGNO 1988: AL CENTRO L'ADDETTO MILITARE IN ITALIA DEGLI STATI UNITI COL GEN. LUIGI POLI E LA SIG.RA  DILLARD, CONSOLE A FIRENZE

Msgr. Murphy's sacerdotal action is at present in progress at St. Joseph's Church in Wa­shington. From 1973 to 1980, he was the Rector of the "National Shrine of the Immaculate Conception", which was inagurated by Paolo VI, and visited, oh october 1979, by Giovanni Paolo II.

The Marian Shrine, contributes to point out Msgr. Murphy's particular devotion to the Virgin Mary, a devotion that he seems to have derived from Lizzano's Church dedicated to St. Mary. Msgr. Murphy's story, has a great significance. It recalls the Chrisian vocation for peace and helps us to realize that we have to follow God's aims even through struggle and sa­crifice. 

LIZZANO PISTOIESE 4 GIUGNO1988

The manifestation that we celebrate on June 4th, centres in the significance of peace, a significance that is enphasized by the admirable engagement of all local students, whose com­position deal with peace. This feeling is also expressed in a monument by Vanni Melani, which is dedicated to the "Fallen" of the 5th Army of the 10th Mountain Division. Lizzano's people will offer this artistic work to the St. Joseph's Church in Washington.

 The demonstration will be enriched by the presence of the florentine group "Donatello" whose pictorial works have been realized thanks the contribution of the municipal adminis­tration.

All there initiatives help us to revise Lizzano's history from an artistic and cultural point of view. This manifestation that we celebrate on June 4th, will serve to strenghthen the bond of friendship between the italian people and the United States of America. The friendship betwe­en the two countries began in 1492, when Cristoforo Colombo discovered America.

 

In 1620, when the Mayflower's Pilgrim Fathers reached New England, Europe and the whole world's destiny was to be linked to this young land. 

 

 

                                                                                                                                                                   Don Napoleone Toccafondi Rector of St. Mary Church in Lizzano Pistoiese. 

=====================

Commemorative 

 address by Father Napoleone  Toccafondi parish priest of Lizzano Pistoiese

I wish te gite my varm velcome and that of the communi­ties of Lizzano and Spignana, also on behalf of Mons. Scatizzi, bishop of Pistoia, to all the authorities present, the war vete­rans and the priests. In particular I want to thank  Mons. Murphy, an ex-sergeant of the American 10th Mountain Division, because his personal story gives greater significance to this commemoration vhich follovs those held in Lizzano an June 4th, 1988, and in Washington on October 8th, 1989, when ve commemorated not only the sacrifice of all the soldiers who fought along the Gothic line but also remembered the choice for real peace this sergeant made by accepting his vocation for priesthood during a pause of his unit in Lizzano Pistoiese.

LIZZANO PISTOIESE 4 GIUGNO 1988: DURANTE LA CELEBRAZIONE DELLA S.MESSA. IN PRIMO PIANO DA DESTRA. IL SINDACO, VOGESI, IL CONSOLE GENERALE A FIRENZE LA SIG..ra  DILLARD, IL GENERALE LUIGI POLI, EMERITO CAPO DI STATO MAGGIORE DELL'ESERCITO, IL  PRESIDENTE DELL'ASSOC. DELLA Xa DIVISIONE DA MONTAGNA DELLA Va ARMATA, L'ON. TOMMASO BISAGNO, L'ADDETTO MILITARE DEGLI STATI UNITI A ROMA, IL DOTT. GIUSEPPE ARCANGELI, FIGLIO DEL TRASVOLATORE ATLANTICO CON ITALO BALBO, DINO ARCANGELI.

I give  a particularly warm welcome to Mr. Evans who was then President of the National Association of the IOth Mountain Division; his active participation in those celebrations with numerous war veterans both in Lizzano and in Washington and the organization supplied by the National Alpini (Mountain Soldiers) Association, with the efficient cooperation of the severl local and regional chapters, stimulated by the untiring activity of Dr. Luigi Caldini, have made possible the realisation of this further iniziative of peace. I feel honored and moved in celebrating again a Mass for all the Fallen joining their sacrifice to that of the vic tims of the population assailed by the fury of war. 

Lizzano Pistoiese 4 Giugno 1988:  il Reparto di "Marines"

.I am concelebrating, besides  Mons Murphy, with the same priests  that took part  with me in the celebrations of October 8th, 1989, in Washington, that is Don Luciano Bardi, parish priest of Cutigliano,  Mons. Renzo Baroncelli, director of the old people's home in Pistoia and Don Orazio Iacopini, parish priest of Spazzavento,  Pistoia.I thank the local agencies and associations for their cooperation. In particular I thak the Commune of San Marcello, re presented here by the deputy Mayor, Mr. Luigi Bartoli, for the in conditional willingness to help they have shown in this circumstance, just as they did during the celebration of June 4th, 1928. On that occasion, Mr. Maxwell Raab, then ambassador of the United States in Rome, kindly wrote me these words: "The commemorative celebrations you are preparing are, in my opinion, the highest way to build peace since they appeal to the best human feelings and favor mutual understanding and esteem, therefore laying the founda tions for lasting friendships  that cannot but be beneficial for fu ture generations".  I am convinced that this celebration in particu lar is infused with the spirit that the famous ambassador wished for.From the fall of 1944 to the spring of 1945, in the mists of Fall and in the rigours of winter, the soldiers of the two oppo site armies, drawn up along the winding roads of an imaginary Gothic Line, lived up here with their hopes, spent their last war Christmas, dreamed about their country and the faces of their dear one After so many years, when the feelings of hatred have been purified by time and by the filter of conscience, we wish to recall a sad page of our history, and walking along the same paths of those times, we ideally join, as if there were neither vanquished nor victors, all those, even civilians, who on our mountain suffered and died for peace in the world and brotherhood among peoples. We are here, there fore, not for a remembrance of war times but for a pledge for peace. in par ticular the Christian ones, wish to emphasise and to foster these feelings of friendship and brotherhood. Under the presure of new menaces. the conscience of peoples has slovy acquired, in the last decades, a greater sensitivity to peace.

           

Lizzano Pistoiese 4 Giugno 1988. Parla il Gen. Ugh Evans, Presidente dell'Associazione Nazionale della Xa Divisione da Montagna americana.Accanto il prof. Antonio Brizzi per la traduzione.

Peace is the top aspiration of ali mankind even if it is difficult to maintain and to buildi. We are setting out on the peace trail, vanquished and victors together, because we do not believe there can be any longer, in a war scenario, vanquished and victors. The tombstones of dead soldiers, the mourning of mothers and of the relatives of all the innocent victims remind us all that war can never have either victors or vanquished. 




Lizzano Pistoiese 4 Giugno 1988: Mons.Murphy saluta il reparto di Marines inviato dal Presidente Reagan

Me who has seen his son, or brother, or father, or mother die, can never consider himself a victor. Let us look, from these mountains, at the millions of dead scattered along the paths or all the wars. They, all together, are last really at peace. What they could not accomplish during their lives death has achieved: to gather men of all races, colors, reli­gions, nations, vanquished and victors.

Lizzano Pistoiese. 4 Giugno 1988. Momento della Cerimonia in piazza della Chiesa. Al centro della foto ilDott. Fabrizio Giannozzi, Direttore Generale del Consolato degli Stati Uniti a Firenze 

Let us stop in silence be­fore these dead. Let us listen to the voice coming from these moun­tains that bring us the echo of the words of a dead poet of ours: "Stop killing the dead, do not shout any more, do not shout, if you want to hear them, if  you hope not to perish". It is the voice that echoes the teaching of our universal Church, in its concrete fon: Never war again", "War is a venture with no return", in the sorrowful and insistent words of our latest popes.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                            Prof. Antonio Brizzi- Porretta Terme                                                                                                                                                                                                      

  

                                                                                                               LIZZANO PISTOIESE:4 GIUGNO 1988. IN ATTESA DELL'Arrivo dei "reduci della Xa Divisione della Va Armata

LIZZANO PISTOIESE 4 GIUGNO 1988: IL SINDACO, VIRGILIO VOGESI



 

 Lizzano Pistoiese. 4 Giugno 1988. Momento dela cerimonia in piazza della Chiesa. Al centro il Prof. Vanni Melani di Pistoia.

.

 Lizzano Pistoiese: 4 Giugno 1988. Celebrazione della S. Messa

Lizzano Pistoiese 4 Giugno 1988. Momento della S. Messa.

 


  Lizzano Pistoiese: 4 Giugno 1988.Mons. Simone Scatizzi, Vescovo di Pistoia e Mons. Murphy con gli altri Sacerdoti durante la celebrazione della S. Messa in suffragio di tutti i "CADUTI" sulla LINEA GOTICA.

================================ 

 dalla Rivista "GAZZETTE MAZZEI 

Celebrazioni    

La Vocazione  del parroco della Casa Bianca a Lizzano Pistoiese

 

Nel 1945 il sergente John Murphy scopriva la sua vocazione sacer dotale attraversando la Linea Gotica, come si legge nel brano che pubblichiamo del suo diario. Dopo 43 anni, il Gruppo Donatello ha voluto, con murales e altre opere, rendere omaggio all'ex-sergente, ora parroco alla Casa Bianca. 

LIZZANO PISTOIESE: MONUMENTO AI CADUTI DEL PROF. VANNI MELANI DI PISTOIA.DESTINATO  ALLA CHIESA DI SAN GIUSEPPE A WASHINGTON DAVANTI AL SENATO 

Dal "Diario di guerra" del serg. John Murphy        

Non era passato molto tempo dallo sbarco del consegnatario italia no "Sestriere" a Livorno, quando il nostro lungo e scuro convoglio di camion dell'esercito americano si dirigeva verso est nelle mon tagne settentrionali d'Italia. Ricordo che era una fredda notte di gennaio e che si faceva sempre più freddo poiché ci avvicinavamo alle strade di montagna ormai coperte di neve. Ricordo anche che nessuno di noi parlava o domandava dove eravamo o dove stavamo andando. Il mistero di una così grande presenza americana, e l'or ganizzazione tranquilla che sembrava darci una strana fiducia in quello che ci chiedevano. Gli unici suoni che potevamo sentire, poi ché viaggiavamo nella totale oscurità, erano gli scricchiolii dei mo tori che procedevano verso l'alto a bassi giri, che lottavano nella neve e sugli aspri declivi di montagna.

LIZZANO PISTOIESE 4 GIUGNO 1988: NEL TURBINE DELLA GUERRA LA VOCAZIONE DI UN SERGENTE

Di tanto in tanto potemmo sentire delle voci che parlavano in italiano al bivio dei piccoli paesi di montagna. In lontananza si sentivano i suoni dell'artiglieria, e poi il cielo si rischiarò disegnando all'orizzonte più linee di montagne. Era la prima volta che vedevamo la guerra, quella vera, e il nostro pesante convoglio procedeva in quella direzione.Ancora nessuna conversazione, né domande,né risposte. Tutto era in silenzio.Ci era stato dato l'ordine di non fare alcun rumore affinché non ci facessimo scoprire: Le bombe dirompenti ci fornivano un panorama della guerra non dissimile da quello dei films di Holliywood. Ci avvicinammo l'uno all'altro a causa del freddo, della paura e del disorientamento.

LIZZANO PISTOIESE 4 GIUGNO 1988: RITORNO ALLE  SORGENTI

Dopo due ore di salita continua, il convoglio il convoglio si fermò e un bisbiglio di voci ci fece intendere di scendere dai camion e di dirigersi verso la Chiesa situata in cima ad un viale d'accesso vicino. Ci fu detto che potevamo passare la nostra prima notte all'interno della Chiesa. Infatti, entro pochi minuti, questa Chiesa di campagna si riempì di soldati, di dispositivi militari e di conversazioni. Sebbene essa sembrasse un rifugio sicuro, faceva molto freddo. Molti soldati accesero la sigaretta, essendogli stato impedito di fumare mentre erano in convoglio.Era strano vedere questo luogo sacro usato come una stazione. Io ero a disagio in quella situazione e mi sentivo infreddolito, solo e impaurito. Improvvisamente sollevai lo sguardo all'altare e i miei occhi colsero il il rosso bagliore della lampada del Santuario, la magnifica fiamma che testimoniava la preesenza di Gesù.

 

LIZZANO PISTOIESE 4 GIUGNO 1988:MONS. J.MURPHY CON DON NAPOLEONE E L'AUTORE DEL QUADRO ENRICO BANDELLI

Fui subito colto dal pensiero che se il Signore sopportava volentieri questo freddo, io non potevo certo lamentarmi.Dopo pochi istanti vidi un prete che attraversava il santuario dirigendosi verso di noi. Era un uomo dall'aspetto vigoroso con un'andatura veloce. La sua tunica nera copriva per intero il suo fisico e la sua faccia rubiconda ma bella irruppe in un caldo sorriso che rimosse istantaneamente la severità della sua immagine clericale.Ricordo di essere stato attratto dalla sua cordialità e mi diressi direttamente verso di lui. Non conoscendo nessuna parola di italiano, presi il mio "Rosario" e lo innalzai come se fosse un'offerta di pace. Gli occhi  del parroco si illuminarono  mentre mi chiedeva:" Sei cattolico ?" Questo fu il mio primo dialogo in italiano e io capii.

LIZZANO PISTOIESE 4 GIUGNO 1988: SIMBOLI DI GUERRA, DI  GIUSEPPE CAPINERI

Cos' accennai di sì e, da quel momento Don Mario Frati divenne il mio amico per la vita. Egli accolse i soldati americani con calore e gentilezza e li ringraziò per aver protetto il popolo di Lizzano dagli ulteriori della guerra . Gli  occhi del parroco si illuminarono mentre mi chiese: "Sei cattolico?". Questo fu il mio primo dialogo in italiano, e io capii. così accennai di sì, e da quel momento Don Frati divenne il mio amico per la vita. Egli accolse i soldati americani con calore e gentilezza, e li ringraziò per aver protetto il popolo di Lizzano dagli ulteriori dolori della guerra. Pre sentai Don Frati al mio grande amico e compagno d'armi dal Ver mont, Bill Wright.  Quella fredda notte in cui trovai ospitalità nel la Chiesa di Lizzano, riuscii a dormire profondamente, e per questo ringraziai Dio per l'universalità di una religione che ha il potere di farti sentire a tuo agio anche nelle circostanze più bizzarre. Ringraziai Dio anche per il dono del sacerdozio di Don Mario Frati. Inol tre ringraziai Dio per non aver dovuto dormire in qualche freddo riparo all'aperto, al di là delle mura di Santa Maria Assunta.  L'indomani sarebbe venuto abbasanza in fretta, con la piena realtà delle bombe, del fronte, e dei nemici della X divisione. 


 

 

LIZZANO PISTOIESE 4 GIUGNO 1988: MEMORIAL DAY

 Il Gruppo Donatello        

 Francesco Bandini Presidente  
Tutti a Firenze ormai sanno che, nella zona comprendente Piazza Donatello, Via degli Artisti, Via dei Della Robbia, Piazza Vasari, Piazza Savonarola, a partire dal 1874, anno in cui si cominciarono a demolire le antiche mura della città, c'è un'area destinata a studi per pittori, scultori e architetti e che le autorità cittadine cedettero "a mite prezzo" i terreni per la loro costruzione. Inizia dunque, più o meno all'epoca in cui Firenze era capitale d'I talia, la realizzazione di quelloche divenne una specie di quartiere latino, e ancora oggi tutta la zona è popolata da artisti che stanno sul piede di guerra, attenti alla speculazione incalzante desiderosa di sfrattarli dagli studi per farne appartamenti di lusso. Ed è proprio nell'angolo fra Via degli Artisti e Piazza Donatello che ha sede l'antico sodalizio artistico che porta il nome del grande scul tore fiorentino.  Nasce quindi circa un secolo fa il Gruppo Donatello che ancora og gi svolge un importante ruolo di "coscienza itica" della città ed è in qualche modo il punto di riferimento del pensiero culturale fiorentino .  Sorsero allora gli edifici di Piazza Donatello e delle altre strade, e in quella che andava verso il "Pino" ebbe il proprio studio lo scul tore Giovanni Dupré e, in Via dei Della Robbia, proprio dove og gi vivono gli artisti Mippia Fucini, nipote del poeta Renato, e il ma rito lo scultore Bruno Catarzi, faceva le sue prime esperienze d'ar te il giovane Amedeo Modigliani prima di approdare a Parigi. Lì hanno continuato a incontrarsi Plinio Nomellini e il vecchio Gio vanni Fattori, Libero Andreotti con il giovane Modì ed è lì che av vengono le prime dispute di Gabriele D'Annunzio, presenti la Du se e la GrammaticaNel 1947 è la volta di Edoardo Gordigiani che insieme a Pietro Bernardini, Delio Granchi, Mario Moschi, Valerio Gheli e ancora Bo nomi, Vagnetti, Checchi, Pieralli, Bueno, Catarzi e tanti altri ope rano una sorta di "rifondazione" del gruppo risorto dalle ceneri del l'ultimo conflitto mondiale.  Ed è proprio con questo ricordo anco ra vivo e presente in tutti noi che gli artisti del Gruppo Donatello hanno accolto con entusiasmo l'invito del Comune di S. Marcello Pistoiese e di Don Toccafondi di contribuire con le loro opere di pit tura e di scultura a ricordare alcune pagine di storia del nostro pae se - tristi ma anche esaltanti - e a tentare di rileggerle in chiave ar tistica e culturale.  


  

   4 GIUGNO 1988:PICCHETTO D'ONORE ITALO-AMERICANO       

       Così che alcune pareti delle case di un paesetto della montagna toscana, Lizzano Pistoiese, saranno dipinte con scene che ricorderanno momenti della guerra di liberazione contro il nazismo, degli Alleati americani insieme ai partigiani e ai solda ti italiani, e ancora un altro incontro, di grande significato spiritua le, che avviene nel buio di una chiesetta, fra uno stanco sergente a mericano e il crocifisso che si erge alto al di sopra delle miserie umane.      

 Lizzano Pistoiese: 4 Giugno 1988. Intervento del Presidente del "Gruppo Donatello",Prof. Arch. Francesco Bandini.

                 Alri affreschi vogliono ricordare gli antichi e ormai scom parsi mestieri della montagna, come il carbonaio, o il taglialegna, e ancora prati pieni di fiori, con qualche arma o elmo militare affio ranti qua e là, ma dai quali sembra salire al cielo una sfrenata voglia di vivere. Oltre agli affreschi, due sculture: la prima, una Annunciazione, ver rà posta sulla facciata della chiesa, l' altra una stupenda "Conversio ne di Saulo" dovrebbe collocarsi come su uno sperone all'angolo della Piazza della Chiesa. Nel momento in cui vengono scritte queste righe non sappiamo an cora se, per mancanza di soldi, sarà possibile collocare quest'ope ra d'arte. ma vogliamo sperare che prima o poi questo possa avve nire. La scelta di realizzare la figura dell'Apostolo dei Gentili,. San Paolo, significa a nostro giudizio il ricordo per eccellenza di una conversione nella quale rivivono tutte le chiamate a Dio pur nella varietà dei tempi e dei modi      

.                                                                                                                                                                                           From the War Journal of Srg. John Murphy                                                               

                                                                                                                                                    In  1945, Sergeant John Murphy discovered his calling to priesthood while crossing the Gothic Line, as we can read in the passage of his war journal published here, 43 years later, the Donatello Group honours the ex-sergeant, now parishs priest of the White House,with 

 

wall painting and others art works.

 

 

                                                                                       

 

.

 

 

 

.

 

 

 

.                                                                                    

                                                                                                                                                                                              LIZZANO PISTOIESE:4 GIUGNO1988:DAVANTI  AL BATTISTERO OSSIA ALLA SORGENTE DELLA FEDE

 

 

 It wasn' t long after debarking the Italian freighter "Sestriere" at Leghorn (Livorno) that our long dark convoy of U. S. Army trucks headed eastward to the northern mountains of Italy. I remember it was a cold January night that grew colder as we approached the snow-covered mountain roads. I also remember that no one spoke -no one asked where we were or where we were going. The mistery of so much American presence and quiet organization seemed to give us a strange confidence in what was asked of us. The only sounds to be heard as we motored onward and upward struggling with the snow and sharp mountain inclines were those of the engines. In the distance sounds of artillery were heard and then the sky lighted up silhouetting more mountain ranger in the distance. It was our first sight of war -the real thing, and our elephantine convoy was heading in its direction. Stili no conversations - no question - no answers. We were under strict orders to make no noise Test we give away our manoeuvres. The bursting shells provided a panorama not unlike the Hollywood version of war. We huddled more closely from cold; from (right; from disorientation. After two hours of steady climbing, the convoy halted and whispered voices passed down to us to dismount the trucks and quietly head for the church located at the top of a nearby driveway. We were told that we would spend our first night in the locai church. Within minutes this country church was filled with sodiers - military gear and conversation. altough it seemed a safe shelter‑it was very cold. Many soldiers lit up cigarettes, having been forbidde  to smoke while in the convoy.

 

 

 

                                                                                      

 

                                                                                                                             SPIGNANA 1 GIUGNO 1988: SOSTA CONVIVIALE NELLA "GIORNATA DI STUDIO SULLA LINEA GOTICA"

 

                                                                                

 

It was strange to see this sacred space used like a train station. I was uncomfortable with the casual scene -and was feeling very, very cold and alone and frightened uddenly I looked up at the altar and my eye caught the red glow of the sanctuary lamp -the beautiful flame signify ing the presence of Jesus. I was struck with the thought that if the Lord was willing to put up with this mountain cold who was I to complain. Moments later I saw a priest coming through the sanctuary heading toward us. He was a vigorous looking man with an irnpressive gait.  s black cassock covered his entire physique and his handsome ruddy face broke into a warm cheek  boned smile removing instantly the severity of his clerical image.I remember being attracted to his warmth and heading directly toward him. Not knowing any Italian, I reached for my rosary beads and held them high as a sort of peace offering. Father' s eyes lit up as he asked "Sei Cattolico?" -it was my first Italian dialogue and I understood. I nodded yes and .from that moment on Fr. Mario Frati became my friend for life. He welcomed the American soldiers with warmth and kindness and thanked them for protecting the people of Lizzano from further pains of war.I introduced Father Frati to my Army buddy from Vermont and good friend Bill Wright. That cold night 1 slept soundly in the church and thanked God for the universality of a religion that had the power to make one feel at home under such bizarre circumstances. I thanked God also for the gift of Fr. Mario' s priesthood. I thanked God, too, that I was not sleeping some where beyond the walls of Santa Maria Assunta -in some cold and open foxhole. Tomorrow would be coming soon enough with the full reality of shellfire frontlines- and the 10th Mountain enemies. 

 

 

                                                                                                                                                                                                                                                                                      

 

 

 

                                                                  .                                                                                                                              

   GRUPPO DONATELLO        

The Donatello Group Francesco Bandini President of the Donatello Group 

In Florence everyone knows that in the neighhourhood of Piazza Donatello, Via degli Artisti, Via dei della Robbia, Piazza Vasari, Piazza Savonarola, there is- from /874, when the city walls began to be pulled down- an area that the City Government reserved to studios for painters, sculptors and architects. In the period when Florence was capitai of Italy a sort of Latin quarter began to be built, and even today it is inhabited by many atists, all ve")) attentive to fight developers who want thern more to make room for luxury flatsAnd exactly at the corner between Via degli Artisti and Piazza Donatello has its seat the old artistic society named after the ,famous Florentine  sculptor.                                                                                              

                                                                                                                                                                                                                                                                    

                                                                                                                                                                                           Franco Lastraioli                                                                                                                                                                                           

  The Donatello Group was founded about a century ago. It continues to play an important role of "critical conscience" of the city and in some ways it represents a landmark of its cultural thought. It was in those times that the new streets were built, and in the one leading to the "Pine tree" had his studio Giovanni Dupré, the sculptor, while in Via dei Della Robbia, where now artist Mippia Fucini, grand-daughter of the poet Renato, and her sculptor husband Bruno Catarzi live, young Amedeo Modigliani had his first artistic experiences, before landing in Paris. There kept meeting Plinio Nomellini and the old Giovanni Fattori, Libero Andreotti with young Modì, and it is there that Gabriele D'Annunzio held his first discussions in presence of actresses Duse and Grammati. 
 

 

 

  Lizzano Pistoiese 4 Giugno 1988: Cerimonia in piazza della Chiesa . S.E. Mons. Scatizzi, Vescovo di Pistoia col Console Generale degli Stati Uniti a Firenze. la sig. Diane Dillard, le sorelle di Mons. Murphy il Gen. capo di Stato maggiore emerito, Sen. Luigi Poli, il Sindaco di San Marcello Pistoiese, Virgilio Vogesi. il Prof. Antonio Brizzi con altre Autorità.

===============================

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

 

 

 

I

 

  

   

 

 

 

 

      

 

 

 

 

 

 

 

 


 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A